Sciamanesimo

Nell’Universo Sciamanico, il mondo di mezzo, situato tra la Terra e il Cielo, è occupato da molti esseri di cui l’uomo fa intimamente parte. Come un albero, il cui tronco è indissolubilmente connesso alle radici ed ai rami, così l’uomo partecipa, tra un piano orizzontale di realizzazione sociale ed uno verticale di comprensione spirituale, all’unione profonda della Madre Terra col Padre Cielo.
Lo sciamanesimo non è scienza o religione o filosofia, non propone dottrine in cui credere, né concetti su cui disputare, ma è piuttosto un processo di acquisizione di conoscenza attraverso l’esperienza dell’agire, è la ricerca della propria spiritualità interiore.
Nel pensiero magico dello sciamano niente esiste che non sia in qualche modo legato ad un’armonia preesistente; gli animali, le piante, le rocce stesse sono fratelli e sorelle perché recano in se una comune scintilla di quel Grande Mistero che tutto anima e in tutto si nasconde.
Antichi simboli di guarigione e conoscenza ci residuano come eredità dai popoli nativi e dalle loro pratiche sciamaniche e, prima fra tutte, la costante celebrazione dei ritmi della Terra al riproporsi ciclico delle stagioni. L’uomo inserito in questa grande ruota recupera l’armonia e la centralità di se stesso, delle sue azioni e dei suoi progetti all’interno della Danza Cosmica che lo circonda.

Gli sciamani praticano l’arte antica di trattare con gli Spiriti, entità personali che esistono dietro o aldilà di questa Realtà.
Gli sciamani sanno viaggiare nei loro Mondi e padroneggiarli.
Riescono a tracciare “una mappa della foresta” per aiutare la loro comunità ad orientarsi lungo i sentieri misteriosi e spesso duri della vita: malattia, dolore, mancanza di senso, scelte difficili, morte.
Aiutano la loro gente ad essere in equilibrio con tutto l’Universo, con i Poteri della Natura, con gli Spiriti degli animali, delle piante, con gli Spiriti dei Morti e quelli dei Mondi invisibili.

Il tamburo sciamanico è uno strumento che ci è stato tramandato dagli Antenati, da quelle persone che hanno vissuto sulla terra molto prima di noi, prima ancora che la storia conosciuta potesse portarci le notizie della loro esistenza, e che hanno realizzato opere imponenti, dagli scopi e dalle tecniche di costruzione tuttora sconosciuti.

I nostri antenati avevano un diverso rapporto con le cose, un rapporto più vero, più reale, più consapevole. Più naturale.

Il tamburo è considerato il cavallo dello Sciamano. Il tamburo porta lo Sciamano nei luoghi di potere interiore, luoghi di guarigione, luoghi di sogno, luoghi di una bellezza tale da far aprire il cuore. Lo mette in contatto con le altre dimensioni. Lo Sciamano a cavallo del tamburo viaggia.

Il tamburo sciamanico

Il tamburo sciamanico è collegato con l’elemento Terra, con il nostro centro creativo e quindi con tutte le nostre potenzialità, di cui a volte non abbiamo neppure conoscenza, oppure anche solo mancanza di fiducia.

E’ indispensabile ritrovare il nostro collegamento con la Madre Terra, e questo è reso possibile tramite questa esperienza musicale sciamanica che ci serve per ritrovare il senso delle nostre origini. Prima della storia, prima della nostra civiltà, prima del progresso, l’Uomo e la Donna avevano un diverso rapporto con la natura e in particolare con la Madre Terra, tanto da chiamarla “la Dea”.

Con l’aiuto della vibrazione ottenuta soprattutto dalle percussioni e dal ritmo del tamburo sciamanico riportiamo al nostro Corpo il ricordo le nostre origini ed abbiamo la possibilità di ritrovare il contatto originario con la Terra da cui proveniamo e da cui riceviamo tutti i giorni l’Energia Vitale.

I nativi americani ritengono che il tamburo sia collegato ad uno Spirito che lo abita e collegano questo strumento a tutto ciò che da vita nell’Universo e lo considerano una cosa sacra. Le parti che compongono il tamburo una volta erano parti di esseri viventi ed ora aiutano la parte vivente che è in noi.

Nel nostro corpo la cosa che più è simile al tamburo è il battito del nostro cuore. Forse è per questa affinità che alcune persone particolarmente sensibili si sentono commosse quando ascoltano il battito del tamburo, perché questo si collega al loro cuore che è la sede ed il centro delle nostre emozioni.

 

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.